Elaborazione del lutto COME AFFRONTIAMO LA PERDITA
DI UNA PERSONA CARA
Cammini di rinascita

Zeno Ferrari, monaco di Camaldoli
 
La perdita di una persona cara getta l’individuo che la vive in una situazione che può essere rappresentata dal simbolo del guado.
Il guado è una corrente d’acqua che normalmente si attraversa a cavallo, in carrozza o a piedi.
Ma la natura, non diversamente dalla vita, passa attraverso molti umori diversi e imprevedibili: improvvisamente il guado può diventare un torrente d’acque minacciose e travolgenti.
Come il guado, l’esperienza del lutto non può essere attraversata da soli.
Spesso, però, ciò è reso arduo o impossibile da una molteplicità di fattori personali e circostanziali, per cui si rende necessario l’intervento di altre persone.
Possiamo essere confusi dalle varie figure esistenti nel campo dell’aiuto professionale e non sapere bene a chi rivolgersi.
Il gruppo di auto mutuo aiuto, può rivelarsi uno strumento molto utile nell’elaborazione del lutto, per aiutarsi e per aiutare: “Aiutando noi stessi aiutiamo gli altri, aiutando gli altri aiutiamo noi stessi”. Diventa il luogo per incontrarsi, ascoltarsi, condividere, confrontarsi con la diversità degli altri…abbandonando così l’atteggiamento di vittima passiva del lutto subito.
Non aver paura, trova il coraggio di fare il primo passo: può schiudere tante porte!
 
Per l’iscrizione presso le monache di Poppi, o per ulteriori informazioni sui contenuti del percorso, a Zeno Ferrari, monaco di Camaldoli: zeno.eremo@gmail.com

GALLERIE

Ammira le nostre gallerie fotografiche